in ,

NewsNews

Plastica, un abbraccio mortale

Otto milioni di tonnellate di plastica ogni anno fluttuano negli oceani e alcuni studi (1) prevedono che nel 2050 in mare ci sarà più plastica che pesci. Cosa fare?

Di recente i ricercatori del gruppo Greenpeace hanno riscontrato la presenza di particelle di microplastica in almeno 9 dei 17 campioni di acqua e neve prelevati nell’Oceano Antartico.

Questi frammenti, per le loro piccole dimensioni, sono particolarmente nocivi anche per gli animali marini più piccoli, come krill e plancton. Provengono da prodotti industriali come dentifrici o cosmetici, e dalla degradazione in mare di rifiuti di vario genere. Gli scarti di plastica, pur non degradati, rappresentano un ulteriore pericolo ambientale: le tartarughe marine scambiano le buste di plastica per meduse e le ingeriscono per cibarsi. Lo stesso avviene per gli squali con i pezzi di plastica, scambiati per pesci. Le cannucce possono facilmente incastrarsi in narici, occhio o gola degli animali. Filo e reti di plastica avvolgono uccelli, tartarughe, cetacei, intrappolandoli in un abbraccio mortale.

Per questo, l’ente ambientalista decide di lanciare l’allarme: “Plastica nell’Oceano Antartico” per proteggere le 690 specie marine messe in pericolo dal loro nuovo nemico prodotto dall’uomo. Pur essendo difficile evitare che le grandi industrie smaltiscano i propri rifiuti in mare, nel nostro piccolo possiamo fare già tanto sfruttando il nuovo servizio ‘Plastic Radar’ offerto da Greenpeace: è possibile segnalare la presenza di plastica su spiagge, fondali o galleggianti in mare mandando una foto dove sia ben visibile la marca dell’azienda produttrice e condividendo la propria posizione tramite il contatto Whatsapp +39 342 3711267.

Siccome, però, siamo noi stessi i primi a consumare e gettare migliaia di prodotti in plastica come rifiuti, dobbiamo essere coscienti delle difficoltà per smaltirli e di quali siano gli effetti concreti e nocivi che coinvolgono sia il nostro pianeta che centinaia di altri suoi abitanti, oltre a noi esseri umani… Possiamo semplicemente cominciare col consumare meno prodotti in plastica o cercando quelli biodegradabili!

(1) Report realizzato dalla Fondazione EllenMacArthur insieme al Centro di studi McKinsey.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *